Make it Fast, Make it Easy, Make it Efficient

Rimborso dell’IVA nel Regno Unito per imprese estere

Vat refund in UK

Le imprese che non hanno la sede legale nel Regno Unito possono richiedere il rimborso dell’IVA sugli acquisti a determinate condizioni. Scopri di seguito come funziona il rimborso dell’IVA e quali criteri devi soddisfare per poter beneficiare del rimborso dell’IVA nel Regno Unito.

Rimborso IVA per le aziende UE dopo la Brexit

A partire da gennaio 2021 e in seguito alla Brexit, la procedura per richiedere il rimborso dell’IVA nel Regno Unito per le imprese con sede all’interno dell’UE è cambiata.

Tutte le società estere che necessitano di un rimborso dell’IVA per beni e servizi acquistati nel Regno Unito, possono richiedere il rimborso dell’IVA in base alle norme stabilite dalla tredicesima direttiva.

Le società dell’UE che rivendicheranno l’imposta sul valore aggiunto britannica per beni e servizi dovranno utilizzare un formulario specifico.

Quando un’impresa può richiedere il rimborso dell’IVA?

Un rimborso può essere richiesto quando un’azienda non ha o è:

  • partita IVA registrata nel Regno Unito
  • stabilita nel Regno Unito e non effettua operazioni commerciali nel Regno Unito

Inoltre, le autorità del Regno Unito faranno in modo che il paese dove ha sede la società consenta simili concessioni di rimborso alle società britanniche al fine di autorizzare la dichiarazione dei redditi.

Qual è il limite di tempo per richiedere il rimborso IVA nel Regno Unito?

Il Regno Unito considera il periodo dal 1° luglio al 30 giugno come un anno fiscale. Il termine per richiedere la dichiarazione dei redditi è di 6 mesi dopo la fine dell’anno fiscale, il che significa che i rimborsi possono essere inviati alle autorità fiscali britanniche fino al 31 dicembre.

L’eccezione del l’Irlanda del Nord

Grazie al Protocollo con l’Irlanda del Nord, esiste un’eccezione alle nuove regole per il rimborso dell’IVA ogni volta che fa parte di un acquisto di beni nel territorio dell’Irlanda del Nord. In questo caso specifico, le imprese stabilite nell’UE saranno in grado di recuperare l’IVA attraverso il sistema elettronico di rimborso transfrontaliero istituito per il recupero dell’IVA nell’UE, ossia secondo le norme dell’ottava direttiva.

In questo caso, per qualsiasi acquisto di beni in Irlanda del Nord con IVA, le aziende con sede nell’UE devono presentare la loro richiesta di rimborso IVA tramite il portale del loro Stato membro dove hanno sede e non seguendo le norme specifiche del Regno Unito post-Brexit.

Il termine ultimo per le richieste di rimborso delle imposte in Irlanda del Nord è il 30 settembre.

D’altra parte, si è deciso che l’IVA recuperabile fatturata sulla prestazione di servizi sarebbe stata invece considerata una situazione diversa per la quale si applicherebbero le regole della tredicesima direttiva del Regno Unito, come spiegato sopra, invece del solito deposito dell’ottava direttiva.

Come posso ottenere una dichiarazione IVA?

Tenendo a mente i limiti di tempo, vale a dire 31 dicembre, è possibile raccogliere tutte le fatture in cui è stata addebitata l’IVA nel Regno Unito durante un anno fiscale e iniziare a presentare la procedura di rimborso. Dovrai valutare il tipo di spese e allegare alcuni documenti a sostegno della tua richiesta. Come al solito, l’aiuto di un professionista esperto in dichiarazioni fiscali ottimizzerà la richiesta alle autorità del Regno Unito e ne aumenterà le possibilità di successo, così come la possibilità di ricevere i rimborsi rapidamente, se le condizioni per il pagamento anticipato dell’IVA si applicano per il vostro settore aziendale.

Contatta FastVAT oggi stesso e scopri le tue opzioni per migliorare il flusso di cassa.

Condividi questo articolo...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is registered on wpml.org as a development site.